Laboratorio Nuvole - Non è sogno (la vita)

Evento speciale

Un progetto di film di  Giovanni Cioni, nato dal Laboratorio Nuvole iniziato a ottobre 2016 presso il carcere di Capanne.

 

Mirco Mencacci

LABORATORIO NUVOLE
Frammenti del montaggio in corso di NON È SOGNO (LA VITA)

Il laboratorio ha preso spunto dal dialogo tra le quinte in Cosa sono le Nuvole di Pier Paolo Pasolini, la storia di uomini-burattini impegnati nella rappresentazione della tragedia di Otello.  Ognuno dei partecipanti interpretava i tre ruoli. Era una maniera ludica di rompere il ghiaccio lavorando fin dal principio sull’interpretazione, sulla sua verità, sullo sguardo degli altri (chiedevo agli altri di aiutare ognuno degli interpreti, fare da spalla, suggerire…).

Da questo gioco, nelle sue fasi di prova, nelle ripetizioni dei dialoghi, nei momenti di silenzio, emergeva una verità umana, uno sguardo diverso. Era palese che avevamo innescato qualcosa che permetteva di raccontare la condizione umana di chi è dentro.  Non un film sul “carcere degli altri”. Racconti di sogni e di vissuto, messaggi, riflessioni e dispute, il tempo dell’attesa, l’immaginario del mondo, la memoria di chi sta dentro, l’affanno di essere in relazione con chi sta fuori, la vita che sfugge. Storie di vita emergono, come quella di un giovane ergastolano.

Il progetto è nato nel corso della prima edizione del PerSo ed è stato possibile grazie ai tanti che hanno aderito alla campagna di crowdfunding. Era un giusto ritorno delle cose presentare qui alcuni frammenti di montaggio in corso, con la presenza di alcuni dei detenuti che ne sono i protagonisti.

SCRIVIMI. ACCADRÀ PRESTO LA MIA LIBERTÀ, la mostra di fotografie di Annalisa Gonnella, accompagna la presentazione e proseguirà per tutta la durata del PerSo.

Un progetto promosso dall’Associazione Itinerari, in collaborazione con il PerSo e con il sostegno di Banca Popolare Etica.

Realizzato con Giallo Giuman, Daniele Saini, Annalisa Gonnella, Marta Bettoni e Maurizio Giacobbe.

Follow us

Seguici su Google+

Il PerSo ringrazia